WFP

Nel 2018, il Benin è membro del Consiglio d’Amministrazione del WFP. Questo posizionamento di rilievo al WFP è il segno di una nuova era di cooperazione multilaterale tra il Benin e le Organizzazioni Internazionali basate a Roma, materializzata dal ruolo attivo che la delegazione beninese gioca durante i dibattiti delle Assemblee Generali delle suddette Organizzazioni con i suoi interventi. I Temi degli interventi privilegiati dalla delegazione Beninese sono illustrati nel capitolo di ognuna delle Organizzazioni.

Al WFP, il Benin difende alcune questioni di politica dell’organismo, legate al foglio di via, al piano di gestione, all’introduzione di paternariati strategici paese (PSP), alle questioni di risorse umane, così come a tutto ciò che può rappresentare uno strumento di innovazione.

Per quanto riguarda il WFP, il Benin non tende più la mano; è diventato ormai un paese che si prende per la mano. A titolo illustrativo, per ottenere la fame zero nelle scuole, il Governo ha sbloccato il 75% delle risorse necessarie per il rientro nelle scuole 2017/2018 dal suo budget nazionale, per un totale di 48 milioni di Dollari, per il finanziamento del progetto delle mense scolastiche lanciato dal WFP, mentre questa Agenzia contribuisce nella misura del 25% dei costi.

Lo schema tradizionale di finanziamento è dunque invertito: il Benin contribuisce più dell’organizzazione stessa.
Un nuovo modello, che il WFP esorta gli altri Paesi a replicare.


L'accesso all'Ambasciata